• Spedizione adatta con impacco freddo!
  • Spedizione in tutto il mondo con DHL
  • Enorme selezione di prodotti
  • Hotline di servizio: +49 511 - 78 09 43 70

Cioccolato senza cadmio

Il cioccolato senza cadmio o la contaminazione da cadmio nel cioccolato è un problema di origine naturale. Mentre la maggior parte del cacao viene trasformato in "cacao da consumo o cioccolato da supermercato" e proviene principalmente dalla Costa d'Avorio e dal Ghana, il "cacao finemente aromatizzato" proviene principalmente dal Sud America. Il cacao aromatizzato fine è un termine utilizzato per descrivere un tipo di cacao dall'aroma e dalla qualità molto elevati. Questi crescono solo in alcuni Paesi, definiti nell'Accordo Internazionale sul Cacao. Il cacao da consumo proveniente dall'Africa è poco o per nulla influenzato dal cadmio, mentre si trova naturalmente nel cacao pregiato di paesi come Messico, Bolivia, Honduras, Ecuador e Papua Nuova Guinea, oltre che nelle isole caraibiche.

"Il motivo è la roccia vulcanica, che è la causa del cadmio, perché la roccia vulcanica contiene molto cadmio, e la fava di cacao, che cresce su questa roccia", afferma Ursula Blum dell'Ufficio di Indagini Chimiche e Veterinarie di Fellbach. Anche la quantità di argilla e di materiale organico contenuta in un terreno gioca un ruolo importante. "Questo a sua volta lega il cadmio. Quindi non è più facilmente disponibile per le piante"

Consumando regolarmente cioccolato fondente (con un alto contenuto di cacao), i consumatori potrebbero ingerire per anni quantità considerevoli di cadmio. Soprattutto su insistenza dei produttori di cioccolatini da supermercato, che tendono ad essere prodotti con cacao africano (e che sperano di avere un vantaggio competitivo), l'UE ha quindi deciso dei limiti di cadmio per i prodotti a base di cacao, validi a partire da gennaio 2019. Da allora, una tavoletta da 100 grammi di cioccolato fondente con un contenuto di cacao superiore al 50% può contenere al massimo 0,08 milligrammi di cadmio.

I ricercatori del Politecnico di Zurigo, i cui risultati della ricerca hanno portato all'introduzione dei limiti, ritengono tuttavia che nessuno debba rinunciare al consumo di cioccolato fondente a causa del cadmio. Il metallo pesante è contenuto anche nel grano , negli spinaci e nei cavoli. Inoltre, i fumatori ingeriscono quantità significative di cadmio attraverso il fumo di tabacco, fino alla metà del livello di tolleranza raccomandato dall'OMS. "Con questi alimenti e stimolanti, assumiamo una parte rilevante della dose giornaliera di cadmio, quindi c'è sempre un pezzo di cioccolato fondente ", ha detto il professore dell'ETH. Anche le persone con carenza di ferro e i vegetariani assorbono più cadmio.

Naturalmente, tutti i produttori effettuano test per verificare la presenza di eventuali contaminazioni. Solo se la contaminazione è inferiore al limite consentito a livello europeo, il produttore di cioccolato può vendere il cioccolato nell'UE. Tuttavia, attualmente pochi cioccolatieri dichiarano esplicitamente che il cioccolato è contaminato da cadmio o che è privo di cadmio. Se siamo a conoscenza del fatto che un prodotto è designato come cioccolato senza cadmio, lo elencheremo qui.

Il cioccolato senza cadmio o la contaminazione da cadmio nel cioccolato è un problema di origine naturale. Mentre la maggior parte del cacao viene trasformato in "cacao da consumo o cioccolato... leggi di più »
Chiudi finestra
Cioccolato senza cadmio

Il cioccolato senza cadmio o la contaminazione da cadmio nel cioccolato è un problema di origine naturale. Mentre la maggior parte del cacao viene trasformato in "cacao da consumo o cioccolato da supermercato" e proviene principalmente dalla Costa d'Avorio e dal Ghana, il "cacao finemente aromatizzato" proviene principalmente dal Sud America. Il cacao aromatizzato fine è un termine utilizzato per descrivere un tipo di cacao dall'aroma e dalla qualità molto elevati. Questi crescono solo in alcuni Paesi, definiti nell'Accordo Internazionale sul Cacao. Il cacao da consumo proveniente dall'Africa è poco o per nulla influenzato dal cadmio, mentre si trova naturalmente nel cacao pregiato di paesi come Messico, Bolivia, Honduras, Ecuador e Papua Nuova Guinea, oltre che nelle isole caraibiche.

"Il motivo è la roccia vulcanica, che è la causa del cadmio, perché la roccia vulcanica contiene molto cadmio, e la fava di cacao, che cresce su questa roccia", afferma Ursula Blum dell'Ufficio di Indagini Chimiche e Veterinarie di Fellbach. Anche la quantità di argilla e di materiale organico contenuta in un terreno gioca un ruolo importante. "Questo a sua volta lega il cadmio. Quindi non è più facilmente disponibile per le piante"

Consumando regolarmente cioccolato fondente (con un alto contenuto di cacao), i consumatori potrebbero ingerire per anni quantità considerevoli di cadmio. Soprattutto su insistenza dei produttori di cioccolatini da supermercato, che tendono ad essere prodotti con cacao africano (e che sperano di avere un vantaggio competitivo), l'UE ha quindi deciso dei limiti di cadmio per i prodotti a base di cacao, validi a partire da gennaio 2019. Da allora, una tavoletta da 100 grammi di cioccolato fondente con un contenuto di cacao superiore al 50% può contenere al massimo 0,08 milligrammi di cadmio.

I ricercatori del Politecnico di Zurigo, i cui risultati della ricerca hanno portato all'introduzione dei limiti, ritengono tuttavia che nessuno debba rinunciare al consumo di cioccolato fondente a causa del cadmio. Il metallo pesante è contenuto anche nel grano , negli spinaci e nei cavoli. Inoltre, i fumatori ingeriscono quantità significative di cadmio attraverso il fumo di tabacco, fino alla metà del livello di tolleranza raccomandato dall'OMS. "Con questi alimenti e stimolanti, assumiamo una parte rilevante della dose giornaliera di cadmio, quindi c'è sempre un pezzo di cioccolato fondente ", ha detto il professore dell'ETH. Anche le persone con carenza di ferro e i vegetariani assorbono più cadmio.

Naturalmente, tutti i produttori effettuano test per verificare la presenza di eventuali contaminazioni. Solo se la contaminazione è inferiore al limite consentito a livello europeo, il produttore di cioccolato può vendere il cioccolato nell'UE. Tuttavia, attualmente pochi cioccolatieri dichiarano esplicitamente che il cioccolato è contaminato da cadmio o che è privo di cadmio. Se siamo a conoscenza del fatto che un prodotto è designato come cioccolato senza cadmio, lo elencheremo qui.

Vai alla Pagina iniziale
servizio clienti +49 - 511 - 78 09 43 70 Lun - Ven 10 - 18 h